Un nuovo modo di comunicare il Franchising
Un nuovo modo di
comunicare il Franchising
marco basile

Tosca franchising: intervista a Marco Basile, Retail Expansion & Franchising Development Manager

Come nasce il brand di Tosca?

Tosca è nuovo progetto di ristorazione commerciale veloce e il suo core business sono le schiacciate toscane preparate con materie prime di altissima qualità. Ma prima di parlare di Tosca farei un passo indietro per raccontare chi c’è alle spalle del brand, l’azienda Löwengrube, fondata nel 2005 da Pietro Nicastro e Monica Fantoni. Entrambi, dopo aver scoperto l’Oktoberfest durante un viaggio in Germania, hanno deciso di portare questa tradizione in Italia, aprendo la prima birreria a Capraia e Limite, in provincia di Firenze.

Löwengrube ha creato un concept unico, che ha attirato migliaia di persone con la sua atmosfera bavarese autentica, dall’arredamento alla musica, fino ai piatti tradizionali. Grazie al suo successo, molti imprenditori hanno chiesto di espandere il marchio attraverso il franchising. Oggi, Löwengrube conta 30 punti vendita, di cui 23 in franchising, grazie a un modello estremamente standardizzato e alla forte collaborazione tra tutti i membri del team.

Tosca Tosca franchising: intervista a Marco Basile, Retail Expansion & Franchising Development Manager

Il successo di Löwengrube ha ispirato la nascita di Tosca nel 2020. Tosca rappresenta un nuovo approccio alla ristorazione veloce, con un’attenzione particolare alla valorizzazione dei prodotti di alta qualità della Toscana. Con l’obiettivo di soddisfare le esigenze del mercato attuale, caratterizzato da formati più snelli e una gestione semplificata, Tosca si è distinta per la sua standardizzazione elevata senza mai compromettere la qualità dei prodotti.

Le aperture recenti, come quella presso la stazione di Torino Porta Nuova, sono solo l’inizio di questo emozionante viaggio. Prossimamente, Tosca farà il suo debutto in altre location prestigiose, come un retail park a Settimo Torinese e la stazione di Roma Termini. Queste nuove aperture offriranno un’opportunità unica per i clienti di gustare i sapori autentici della Toscana mentre si trovano in viaggio.

Come si caratterizzano gli store di Tosca?

I nostri store sono progettati per offrire un’esperienza unica ai nostri clienti. Prendiamo ad esempio il nostro store a Torino Porta Nuova, il cui render potete vedere qui. La vetrina dei salumi, posizionata strategicamente, accoglie i clienti con una selezione di prodotti di alta qualità.

Nei nostri store, come quello di Torino Porta Nuova, abbiamo pensato anche alla comodità dei clienti in movimento. Perciò, oltre al servizio tradizionale, offriamo una sezione Grab & Go per chi ha poco tempo e deve prendere il treno in fretta. Tuttavia, manteniamo il nostro impegno per la qualità, garantendo che anche i prodotti Grab & Go siano freschi e deliziosi.

Stiamo anche introducendo dei kiosk nei nostri store, che integrano perfettamente il nostro format. Abbiamo notato che questi kiosk semplificano il processo di acquisto, consentendo ai clienti di fare le loro scelte in modo rapido e intuitivo. Inoltre, ci aiutano a promuovere vendite aggiuntive, aumentando così lo scontrino medio.

Che tipologia di affiliati ricercate anche dal punto di vista del posizionamento del punto vendita?

Stiamo cercando affiliati con diversi profili e livelli di esperienza nel settore della ristorazione e del retail. Da un lato, ci sono importanti operatori del travel retail, spesso multinazionali, che sono interessati a investire nei nostri progetti. Dall’altro, ci sono i multi-unit franchisee, che hanno esperienza nella gestione di reti di vendita e possono contribuire alla crescita del marchio. Infine, ci sono anche piccoli imprenditori che vogliono unirsi al nostro progetto.

Per quanto riguarda le posizioni ideali dei punti vendita, stiamo considerando sia le stazioni di transito, come i punti vendita nei travel retail, sia le aree urbane e i centri commerciali. Questa diversificazione ci permette di massimizzare il potenziale del nostro marchio e di coprire una vasta gamma di mercati.

Il nostro obiettivo è espandere il marchio Tosca sia a livello nazionale che internazionale, garantendo una copertura completa del territorio italiano e valutando opportunità di espansione oltre confine.

Ci siamo incontrati a marzo al Franchise Expo Paris, qual’è stata la risposta del pubblico internazionale rispetto ai vostri brand?

La risposta del pubblico internazionale è stata estremamente positiva. Lo stand è stato costantemente affollato e abbiamo avuto l’opportunità di far assaggiare alcune delle nostre ricette, dimostrando come in pochi metri quadrati possiamo soddisfare anche flussi elevati con un prodotto eccezionale. La chiave del nostro successo è proprio il prodotto e l’identità del format, entrambi molto apprezzati dalla clientela internazionale.

Durante l’evento, abbiamo avuto contatti con diversi profili di investitori, dalle multinazionali ai multi-unit franchisee fino ai singoli imprenditori. Tutti hanno visto nel nostro format, pensato per l’internazionalizzazione, un’opportunità valida. Il nostro concept offre un’apertura rapida e relativamente economica rispetto ad altri tipi di investimenti simili. Inoltre, la riconoscibilità del brand Tosca è uno dei suoi punti di forza.

È importante sottolineare che anche i materiali utilizzati negli store sono stati pensati per rafforzare l’identità del brand. Legno, rovere e marmo bianco toscano vengono combinati con elementi che richiamano la Toscana, creando un’atmosfera autentica e accogliente. Questo, insieme al nostro ottimo prodotto e servizio, rappresenta la chiave per il successo nello sviluppo internazionale.

Questo aspetto non è secondario, i clienti oggi vogliono vivere un’esperienza all’interno degli store. Quanto studio c’è dietro?

Sì, abbiamo recentemente apportato delle modifiche rispetto al formato iniziale degli store, mantenendo comunque l’idea di base. Non abbiamo stravolto il concetto originale, ma abbiamo utilizzato questo punto di partenza per condurre uno studio approfondito. Il nostro team Construction è stato coinvolto, insieme a consulenti esterni di architettura, perché comprendiamo quanto sia fondamentale offrire un’esperienza completa all’interno dei nostri punti vendita.

In questo processo, abbiamo tratto molte lezioni dall’esperienza di Löwengrube. I locali di Löwengrube hanno un’atmosfera calda e un’identità molto forte, e abbiamo cercato di mantenere questa caratteristica anche per Tosca, pur adattandola alle dimensioni e al modello di servizio differenti. Riteniamo cruciale mantenere una forte connotazione di marca, e stiamo lavorando per garantire che ogni punto vendita di Tosca trasmetta questa identità distintiva.

Oltre ai miglioramenti fisici, stiamo anche abbracciando l’innovazione digitale. Stiamo sviluppando un’applicazione dedicata e abbiamo installato monitor dietro il banco, che ci consentono di comunicare in modo più efficace con i nostri clienti. In questo modo, stiamo combinando tradizione e innovazione per offrire un’esperienza completa e coinvolgente ai nostri clienti.

Perché avete scelto il modello franchising? Quali sono i vantaggi per il franchisor e il franchisee?

Il modello franchising è stato scelto per diversi motivi. Da un lato, ci consente di espandere rapidamente il nostro marchio, offrendo agli imprenditori la possibilità di affiliarsi a un’azienda strutturata e seguire procedure consolidate. Questo significa che anche coloro che non hanno necessariamente esperienza nel settore possono avvicinarsi al business in modo serio e strutturato.

Per gli affiliati, il vantaggio principale è l’opportunità di entrare in un business consolidato con un supporto continuo dall’azienda madre. Inoltre, offriamo un ambiente collaborativo tramite un comitato strategico, in cui gli affiliati con più di un punto vendita possono partecipare attivamente alle decisioni aziendali. Questo processo di condivisione delle decisioni favorisce un senso di appartenenza e coinvolgimento nella rete franchising.

Dall’altro lato, per noi come franchisor, il franchising ci consente di ampliare la nostra presenza in modo sostenibile, distribuendo i rischi e i costi dell’espansione tra gli affiliati. Inoltre, ci offre l’opportunità di avere un feedback diretto dagli affiliati sulle varie iniziative aziendali, consentendoci di adattarci in modo più efficace alle esigenze del mercato e dei nostri clienti.

Riguardo allo sviluppo dei punti vendita Tosca in Italia, avete un’area geografica di particolare interesse?

Abbiamo una strategia di sviluppo su più livelli. Da un lato, abbiamo accordi con importanti attori internazionali nel travel retail, il che indica uno sviluppo significativo in questo canale. Dall’altro, stiamo concentrando gli sforzi su aperture in città italiane, come dimostra l’apertura recente a Settimo Torinese e altre aperture in fase di finalizzazione.

Non abbiamo limiti geografici riguardo allo sviluppo in Italia o in Europa, quindi siamo aperti a considerare aperture ovunque ci sia interesse da parte degli imprenditori. La nostra formula di franchising è progettata per facilitare questo sviluppo, e siamo attenti a valutare seriamente i candidati che dimostrano interesse nell’affiliarsi a Tosca.

Consideriamo aperture sia in centri commerciali che in centri città, e stiamo esplorando anche la possibilità di riconvertire locali già esistenti. Ci sono settori del comparto alimentare che attraversano una fase di declino, e ci sono locali con le giuste caratteristiche e posizioni che potrebbero essere adattati per ospitare un punto vendita Tosca.

Partecipare a eventi come Franchising Meet ci offre l’opportunità di presentare il nostro marchio a un vasto pubblico di imprenditori. Coloro che non conoscono ancora il nostro format avranno l’occasione di vederlo in azione in Italia, e saremo lieti di fornire ulteriori informazioni e invitare gli interessati a visitare i nostri punti vendita in Toscana per un’esperienza diretta.

Hai parlato di imprenditori e non di affiliati, e questo è indicativo del vostro approccio rispetto alle persone che entrano nella rete di Tosca.

Non abbiamo ancora un track record di Tosca come Löwengrube, ma si può vedere dai video presenti sulla pagina franchising di Löwengrube dove gli imprenditori condividono la propria esperienza e prospettiva sul franchising, offrendo una preziosa testimonianza per chiunque sia interessato a unirsi alla rete. Ritengo che ascoltare direttamente gli imprenditori affiliati sia fondamentale per comprendere appieno il funzionamento e il supporto offerto dalla rete franchising. Troppo spesso le aziende trascurano di dare ascolto alle voci dei loro affiliati, ma io credo che questo feedback sia cruciale per il successo complessivo del franchising.

Silvia Favulli ha intervistato Marco Basile, Retail Expansion & Franchising Development Manager del brand Tosca, ospite all’interno del ciclo di webinar di Franchising Meet - terza edizione, il format ideato e realizzato da SCAI Comunicazione per fare formazione e networking nel mondo del franchising.